DASHBOARD

Il monitoring dei processi di business è una componente fondamentale di qualsiasi attività economica. Spesso, però, lo sforzo si concentra sul calcolo di KPI e indicatori trascurando completamente la resa grafica degli stessi.
Quando sono ben disegnati, grafici, cruscotti e dashboard sfruttano le caratteristiche della percezione visuale per comunicare informazioni in modo efficiente, chiaro e completo.

Un cruscotto è quindi un’interfaccia visuale che fornisce a vista le misure chiave rilevanti per un particolare obiettivo o un processo di business.

IL CRUSCOTTO È COSTITUITO DA TRE ATTRIBUTI CHIAVE:

  • Visualizza i dati graficamente: Fornisce visualizzazioni che aiutano a focalizzare l’attenzione sulle principali tendenze, i confronti, e le eccezioni.
  • Visualizza solo i dati che sono rilevanti per l’obiettivo del cruscotto.
  • Contiene conclusioni predefinite rilevanti per l’obiettivo del cruscotto e allevia il lettore di svolgere la propria analisi.

In breve, ciò di cui le organizzazioni hanno veramente bisogno è un cruscotto di indicatori capace di tradurre la strategia dell’azienda in obiettivi, in misurazioni, in iniziative e attività su misura per ogni gruppo di lavoratori.

Un dashboard di indicatori deve essere in grado di fornire informazioni tempestive e approfondimenti che consentano agli utenti aziendali di migliorare le decisioni, di ottimizzare i processi e i piani, e di lavorare con uno spirito pro-attivo.

La realizzazione di un dashboard prevede tuttavia un’attenta fase di pianificazione strategica dello strumento al fine di creare un modello dinamico e facilmente aggiornabile. Occorre poi individuare i fattori chiavi da privilegiare e da monitorare.

Il dashboard può essere di carattere generale e focalizzato sulla necessità di offrire una fotografia dell’andamento commerciale economico, finanziario, patrimoniale dell’azienda oppure essere tematico e conseguentemente orientato e focalizzato su di una determinata area aziendale di riferimento.
Ad esempio se ci concentriamo sulla forza vendita,  l’obiettivo sarà quello di monitorare in primo luogo le loro performance rispetto ad un budget di periodo.
Altre informazioni che potrebbero interessare sono rappresentate dalle quantità di prodotti venduti per categoria o per area geografica. I costi sostenuti per campagne di marketing ed eventuali ritorni in termini di venduto, ecc.